20 Gennaio 2021

Antitrust sanziona Eni, Enel e Sen

CONSUMERISMO: nonostante 20 miliardi spesi per contatori elettronici, storture proseguono senza sosta

La sanzione di 12,5 milioni di euro dell’Antitrust

“Nonostante i 20 miliardi di euro spesi in Italia per l’installazione dei contatori elettronici di luce e gas, le storture nelle letture dei consumi e nelle fatturazioni proseguono senza sosta” Lo afferma il Presidente di Consumerismo No Profit, Luigi Gabriele – promotore assieme all’On. Simone Baldelli della norma che ha introdotto in Italia la prescrizione biennale sulle bollette energetiche con legge di Bilancio del 2018 – commentando la sanzione da 12,5 milioni di euro inflitta dall’Antitrust a Eni, Enel e Sen.

Subito tavolo di confronto con consumatori su rimborsi, scuse pubbliche da parte dei gestori e licenziamento per manager colpevoli

“Ancora una volta gli utenti sono vittime dello strapotere dei gestori energetici, e purtroppo nemmeno le multe dell’Antitrust sono in grado di porre fine a condotte scorrette che consentono alle società di incamerare ogni anni guadagni ben più alti delle irrisorie sanzioni inflitte dall’Autorità – spiega Luigi Gabriele – Chiediamo oggi a Eni, Enel e Sen l’apertura immediata di un tavolo di confronto con le associazioni dei consumatori teso non solo a definire i rimborsi in favore degli utenti coinvolti negli illeciti, ma anche a studiare misure per bloccare in modo automatico addebiti diretti sul conto corrente in caso di controversie sulle fatturazioni”.
Ci aspettiamo da Eni, Enel e Sen scuse pubbliche nei confronti degli utenti, un riconoscimento delle proprie responsabilità e licenziamento immediato per i manager colpevoli delle condotte illegali costate centinaia di milioni di euro ai consumatori – conclude Consumerismo No Profit.

Fonte: Consumerismo

Ti potrebbe interessare: