15 Gennaio 2021

Ampliamento Inceneritore San Vittore, Ilaria Fontana (M5S) presenta Question Time in Commissione Ambiente

«Ottenute dal Ministero dell’Ambiente maggiori informazioni circa la gestione del ciclo dei rifiuti nella Regione Lazio»

Si è svolto ieri il Question Time da me proposto in commissione ambiente alla Camera dei Deputati circa l’ampliamento dell’inceneritore di San Vittore. Ho ritenuto necessario chiedere al Ministero dell’Ambiente maggiori informazioni circa la gestione del ciclo dei rifiuti nella Regione Lazio, già sotto la lente d’ingrandimento dell’Unione Europea, visto l’avvio del procedimento di realizzazione di una quarta linea di incenerimento a San Vittore.

I numeri che la Regione riportava ad agosto 2020 nel proprio piano rifiuti parlavano chiaro e costruire o ampliare inceneritori non sarebbe stato necessario. Tuttavia, lo scorso dicembre la stessa regione ha dato avvio al procedimento per la quarta linea che andrà eventualmente ad aggiungersi alle tre già in esercizio.

Il ministero ha quindi fatto ieri il punto sia sulla procedura UE PILOT, che già nel 2019 aveva posto numerose domande
alla Regione sulla gestione dei rifiuti, che sul futuro Programma Nazionale di Gestione dei Rifiuti introdotto dal recente pacchetto sull’economia circolare. Oltre a confermare che le stime previste non giustificano nuovi inceneritori, il ministero ha sottolineato che eventuali modifiche all’inceneritore di San Vittore dovranno essere valutate soltanto per quei fanghi che ad oggi non possono essere smaltiti diversamente.

Inoltre, data la rilevanza delle questioni che ho posto, il Ministero valuterà la possibilità di avviare un confronto tecnico con le competenti strutture della Regione Lazio. Esprimo soddisfazione per l’attenzione che il Ministero dell’Ambiente sta ponendo su una materia che è e rimane di competenza regionale ma che le emergenze rifiuti degli ultimi vent’anni hanno portato sempre di più all’attenzione del governo.

Una questione che riguarda un territorio vasto, che parte dalla piana di Venafro e comprende la Campania e, ovviamente, il Lazio. Per questo motivo esprimo la mia vicinanza a tutti gli amministratori locali, ai cittadini e alle associazioni che vorranno promuovere osservazioni per tentare di bloccare l’ennesimo schiaffo ad un territorio che non lo merita.

Ti potrebbe interessare: