19 Gennaio 2012

Alatri fuori dai fondi regionali PLUS ( Piano Locale Urbano di Sviluppo), stoccata di De Santis (Udc) a Morini (Pd)

Il Comune di Alatri è arrivato in terza fascia nelle domande del programma regionale dei Plus (Piano Locale Urbano di Sviluppo) e quindi non usufruirà di alcun fondo dalla Regione. Sedici di contro le città ammesse alla seconda fase, necessaria per stabilire effettivamente gli interventi che dovranno essere finanziati, interventi che, è bene sottolinearlo, nella maggior parte dei casi sono ingenti sotto il profilo economico con cifre che variano dai 10 ai 30 milioni di euro come nei casi rispettivamente di Pomezia e Viterbo. Nella classifica dei Plus i capoluoghi di provincia Viterbo, Rieti e Latina, insieme a Pomezia si sono piazzati al primo posto con 62 punti, Albano, Cisterna e Fondi con 58, Aprilia, Guidonia Montecelio, Formia e Velletri con 54, Marino 52 punti, Fontananuova, e il capoluogo provinciale Frosinone, Monterotondo e Roma con 50 punti. Un risultato importante per le città ammesse alla seconda fase, che spiana la strada verso l’obiettivo del finanziamento, ossia svariati milioni d’euro destinati ad opere e attività, come previsto nel Piano Locale di Sviluppo.Viceversa non sarà così per Alatri e allora il centrista Gianfranco De Santis attacca il primo cittadino della Città dei Ciclopi Giuseppe Morini (Pd)  in una nota:  “Caro sindaco Morini invece di barcamenarti sugli specchi non sprecare altre occasioni – scrive il leader Udc alatrense –  La batosta della perdita del maxi finanziamento è ormai una realtà, essere arrivati ultimi è una triste certezza  ma esistono nuove opportunità per ottenere fondi regionali. Ovviamente nella speranza che questa volta il progetto invece di arrivare ultimo per qualità di proposte, venga elaborato con maggiore attenzione, magari anche usufruendo dei nuovi maxi-esperti che l’amministrazione Morini ha annunciato di volersi dotare da agosto ma dei quali, il solito annuncio e marcia indietro, non c’è traccia. Mi riferisco al “Programma straordinario dei lavori pubblici per lo sviluppo locale”, delibera n. 643 approvata dalla Regione Lazio il 28 dicembre 2011. Una  volta pubblicata si aprono i termini per entrare nel programma, che prevede risorse finanziarie pari a 35.000.000,00 di euro e il contributo regionale per ogni singolo intervento che non può essere inferiore a 50.000,00 euro. Sono legittimati a presentare le proposte d’intervento gli enti locali e i municipi del Lazio, saranno considerate ammissibili soltanto le proposte che: perverranno entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del programma sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio, che abbiano fornito tutte le informazioni richieste nella scheda di presentazione dell’intervento, che prevedano la realizzazione di lavori pubblici come definiti dall’art.3 del D.Lgs. 163/06. Gli enti dovranno tenere conto della strategicità delle opere rispetto agli obiettivi di sviluppo locale, della conformità alle prescrizioni urbanistiche, della necessità di ripristino di condizioni di sicurezza e salute dei cittadini. Nella speranza che questa volta invece di fare i saccenti si agisca con maggiore umiltà“.

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Tra i 27 premiati anche Guglielmo Mollicone, il caro papà di Serena. Appuntamento alle 18 nella Sala Conferenze della XV Comunità Montana "Valle del Liri".

SPONSOR

Tutti i numeri di un anno magnifico nell'intervista all'amministratore unico, dott. Ennio Mancini, ed al Direttore, Orlando Pizzuti.

SPONSOR

Il 2019 è stato l'anno delle conferme e degli obiettivi raggiunti per l'azienda che si occupa di assistenza familiare.

SPONSOR

Promozione valida fino al 13 Dicembre 2019.