giovedì 30 aprile 2015

Mosaico: il punto di vista del Comune di Alatri

Quella di Caponera è una ricostruzione capziosa dei fatti: il progetto in realizzazione è completamente diverso da quello precedente e prevede un intervento di valorizzazione dei reperti rinvenuti attraverso pubblicazioni scientifiche (guida archeologica), riproduzione con tecnologie digitale 3D (ricostruzione della domus). Tanto è: le immagini scattate con tecnologia analogica nel 2006 non erano utilizzabili per tali fini. Da qui la necessità di effettuare nuovi rilievi con tecnologie moderne ed aggiornate da effettuarsi successivamente all’intervento di restauro dei reperti rinvenuti e non effettuato all’epoca, oltre all’ampliamento dell’area di scavo come richesto nella nota della Soprintendenza Archeologica, al fine di rilasciare un proprio parere sulla vecchia proposta progettuale e di fatto mai autorizzata.

La foto che dimostrerebbe la copiatura del progetto è evidentemente relativa al nuovo progetto e non al vecchio. La qual cosa oltre che stabilire una verità e cioè che Caponera esprime solo una convinzione di parte, non corroborata da fatti, pone anche un problema di non lieve importanza e cioè le modalità con cui il signore in questione sia venuto in possesso di questa immagine visto che non esistono protocollate richieste di accesso agli atti a suo nome, per queste carte.

Partiamo dall’inizio: nel 2003, durante i lavori di ripavimentazione della Piazza S. Maria Maggiore vengono rinvenute delle emergenze archeologiche sia nella piazza stessa che lungo le vie adiacenti, per le quali l’Amministrazione Comunale prese impegno di recupero e valorizzazione. Nel 2005 viene dato incarico al progettista di redarre apposita proposta per il recupero e sistemazione delle emergenze archeologiche rinvenute: A febbraio del 2006 il Comune invia la proposta progettuale alla soprintendenza Architettonica, per intenderci, quella che prevedeva la posa in opera di un vetro che rendesse possibile la visione dei reperti,

Nel luglio 2006 a seguito delle richieste di integrazione delle rispettive soprintendenze che imponevano di fatto la revisione del progetto originario come presentato per l’acquisizione dei pareri, hanno visto l’inerzia della precedenti Amministrazione che nel periodo dal 2006 al 2011, non si è attivata per la redazione di una nuova proposta progettuale che tenesse conto delle suddette vincolanti prescrizioni. Nel 2011 l’Amministrazione Morini, riprende in mano la situazione e da nuovo impulso alle procedure di approvazione attraverso nuovi contatti con le rispettive Soprintendenze al fine di arrivare ad un progetto condivisibile sia sotto il piano della effettiva tutela e valorizzazione dei reperti sulla base delle risorse ancora disponibili. Evidentemente ci siamo trovati davanti ad una situazione completamente diversa soprattutto relativamente al quadro economico (aumento dei prezzi e diminuzione delle risorse).

Quello che abbiamo fatto è stato presentare un nuovo progetto condiviso con le Soprintendenze, tenuto conto della doppia tutela (Architettonica per la facciata, scala ed allestimenti interni degli Scolopi ed Archeologica per i reperti) che ottenesse il massimo del risultato possibile compatibilmente con le risorse disponibili, i famosi 500.000 euro del MEF in parte già utilizzati. Al termine dei lavori avremo quindi una documentazione scientifica dettagliata nei contenuti e nelle rappresentazioni grafiche e digitali, oltre ad un nuovo luogo di accesso turistico-museale non esclusivamente dedicato alla illustrazione dei reperti archeologici rinvenuti, ma finalizzato alla promozione dell’intera Città di Alatri, visto come un unico complesso museale.

Da Jolly Auto, concessionaria FCA del Gruppo Jolly Automobili, parte una fortissima azione di marketing in collaborazione con Leasys.

Ceccano, prima alza la voce poi le mani: cliente picchia commercialista
1 giorno fa

FROSINONE TODAY - Botte da orbi questa mattina nello studio di un noto commercialista di Ceccano. La motivazione? Il professionista non aveva ...

Pericoloso ed attaccabriche, arrestato per sicurezza su ordine del Tribunale
1 giorno fa

FROSINONE TODAY - Nonostante la condanna che pendeva sulla sua testa, come una 'Spada di Damocle'', ha continuato ad avere un comportamento rissoso, ...

La palpeggia e le infila le mani nelle parti intime. 20enne di Veroli denuncia il datore di lavoro per violenza sessuale
8 ore fa

FROSINONE TODAY - Per lungo tempo, così come avviene per molte donne, aveva sopportato le molestie sessuali del suo datore di lavoro. Lei, ...

Castro dei Volsci, smascherati i ladri del ripetitore Wind
1 giorno fa

FROSINONE TODAY - Smascherati i ladri del ripetitore della Wind3 di Castro dei ;Si tratta di un 50enne, un 39enne ed ...

Superstrada Sora-Cassino, a breve la riapertura tra Sant'Elia e Belmonte
23 ore fa

FROSINONE TODAY - Buone notizie per  gli automobilisti che percorrono la superstrada Sora-Cassino. Sabato 24 febbraio pv, dalle ore 9:00, sarà riaperto, in entrambi ...

La Volvo XC60 è l'auto più sicura del 2017 secondo i test Euro NCAP
2 giorni fa

AUTOSHOW24 - La XC60 ha ottenuto un punteggio altissimo, il 98%, nella categoria Occupanti Adulti e nella sua classe di appartenenza, Grandi SUV/...

Inossidabile Fiesta: la piccola di casa Ford diventa grande
3 giorni fa

AUTOSHOW24 - Stavolta ce n'è davvero per tutti, dai drivers basic a quelli più esigenti. La nuova Ford Fiesta si è presentata al ...

E tu che Tipo sei? Be Free o Be Free Plus?
4 giorni fa

AUTOSHOW24 - Jolly Auto, in collaborazione con Leasys, azienda leader europea nel noleggio a lungo termine, ha studiato una strepitosa formula rateale ...

Europrogetto DTT, la Regione Lazio ha candidato Frascati
2 giorni fa

THESTARTUPPER - Realizzare in sette anni un impianto in grado di fornire energia elettrica da fusione nucleare entro il 2050. Si chiama DTT, Divertor Tokamak Test ed e' il progetto europeo a cui la Regione Lazio ha candidato il centro Enea di Frascati.

Meno operai, solo specializzati e trasversali: ecco il futuro del Lavoro
2 giorni fa

THESTARTUPPER - Il futuro del mondo del Lavoro in provincia di Frosinone. L'analisi del Consiglio Generale Cisl riunito a Fiuggi. La radiografia del settore. Le prospettive. Le vertenze aperte. I risultati raggiunti. No ai populismi. Ecco dove stiamo andando.

La Birra dell'anno? Viene prodotta in 5 aziende del Lazio
4 giorni fa

THESTARTUPPER - Cinque birre laziali conquistano la medaglia nella XIII edizione del premio 'Birra dell'Anno' promosso da Unionbirrai. I numeri di un fenomeno industriale in crescita.