mercoledì 28 settembre 2016 redazione@alatri24.it

Meridionali con Salvini e settentrionali leghisti: si può fare! L’analisi di Papaevangeliu dopo Pontida

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa contenente alcune dichiarazioni della Coordinatrice Provinciale di “Noi Con Salvini”, avvocato Kristalia Rachele Papaevangeliu.

«Dopo l’appuntamento di Pontida della settimana scorsa riparte in pieno l’attività politica del Leader Matteo Salvini e del suo movimento Noi con Salvini qui in provincia di Frosinone. Interviene la Coordinatrice Provinciale l’avvocato Kristalia Rachele Papaevangeliu “Prima di addentrarmi per illustrare l’importante evento tenutosi a Pontida, da donna del sud Italia e d’Europa non posso non congratularmi con il mio Coordinatore Regionale il senatore Gianmarco Centinaio che si è prontamente attivato convocando subito dopo Pontida, il Coordinamento Regionale, che si terrà la prossima settimana a Roma , dando così seguito alle indicazioni del leader Matteo Salvini, di radicare maggiormente sul territorio e quindi anche nella nostra provincia il Movimento voluto da Matteo Salvini.

L’appuntamento di Pontida è stato un successo per il Segretario Salvini, in quanto su quel prato, per la prima volta è riuscito a far coesistere due anime diverse, quella meridionale che si identifica nel progetto di NCS e quella storica leghista. Dopo Pontida, il leader Salvini può continuare con forza nel perseguire il suo progetto di creare un movimento identitario e che intende riconquistare quella sovranità, che oggi appartiene ad un Europa dei banchieri e dei burocrati non eletti, che tende ad imporre dall’alto politiche economiche di austerity. Queste politiche economiche restrittive hanno determinate una serie di conseguenze negative quali: un aumento del debito pubblico, un aumento della tassazione e un aumento della disoccupazione.

L’Europa dei banchieri e dei burocrati ha fallito non solo nel campo economico-sociale, ma anche su altri fronti. A livello culturale le politiche laiciste hanno affievolito la nostra identità cristiana e indirettamente hanno agevolato l’avanzare dell’Islam che si pone come obiettivo prioritario, l’egemonizzazione non solo dell’Europa, ma possibilmente di tutto il mondo. Sul piano della politica estera, l’Europa si è dimostrata sempre incapace di risolvere, i vari conflitti che in questi anni abbiamo assistito, in quanto vi è la mancanza, da parte dei singoli Stati che la compongono, di una visione unitaria e di guida.

L’Europa è unita solo dal punto di vista economico attraverso una moneta (l’Euro), voluta esclusivamente, per gli interessi di una ristretta élite globale le banche e le aziende multinazionali. Di fronte ad un Europa di banchieri, la Lega – NCS con il suo Segretario Salvini, propone un’Europa diversa, quella che il compianto Professore, nonché Senatore della Lega Gianfranco Miglio portò avanti, ossia l’Europa delle macro-regioni. Di fronte a tale situazione concordo con il progetto di Matteo Salvini di dar vita ad un movimento, unito dal Trentino alla Sicilia, che abbia come punti cardini: LIBERTA’, IDENTITA’, SOVRANITA’. Oltretutto, siamo in pieno fervore per la diffusione delle ragioni del No al Referendum costituzionale del prossimo 4 Dicembre. Data in cui l’Italia dovrà unirsi nell’intento di bloccare questa manovra di sovvertire l’ordine costituito».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA