Emanuele: un 27enne e un 24enne di Alatri fermati per omicidio nella notte a Roma

Nel corso della notte di oggi, 28/03/2017, i militari del NORM Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Alatri unitamente a quelli della locale Stazione e collaborati dall’Arma di Roma Trastevere, hanno proceduto, a Roma, al fermo per omicidio di un 27enne ed un 24 enne di Alatri nonché alla denuncia in stato di libertà per rissa e lesione.

Il provvedimento è scattato a parziale conclusione di serrate ed ininterrotte indagini intraprese a seguito della rissa verificatasi in Alatri la notte di venerdì 24 u.s. nella quale è stato brutalmente picchiato il giovane 20enne Morganti Emanuele che, per le gravissime lesioni, è deceduto domenica presso il Policlinico Umberto I° di Roma.

Le indagini condotte dai militari operanti e coordinate dal Sost. Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone Dr. V.MISITI, che concordando con le risultanze investigative emetteva i provvedimenti di fermo eseguiti, hanno permesso di ricostruire con meticolosità i fatti che hanno portato alla morte del giovane operaio alatrense.

I militari, attraverso informazioni testimoniali raccolte, hanno accertato che la sera di venerdì scorso, all’interno di un disco-pub sito nel centro della città ernica, ove era in corso anche una festa privata, per futili motivi è nata una lite tra Morganti Emanuele che era in compagnia della sua fidanzata ed un altro giovane.

Qui è stato percosso da altri giovani nel frattempo aggiuntisi al gruppo, in corso di identificazione. Il ragazzo, in questo frangente, è riuscito in un primo momento a divincolarsi, ma purtroppo è stato nuovamente raggiunto dagli aggressori e colpito violentemente al capo, rimanendo esamine in terra sino all’arrivo dei soccorsi che lo hanno condotto dapprima presso l’Ospedale di Alatri e poi al policlinico Umberto I ove è deceduto il giorno successivo.

I fermati sono stati raggiunti dai Carabinieri presso un’abitazione in Roma ove si erano rifugiati dopo i fatti. Gli stessi, al termine degli atti di rito sono stati tradotti presso il carcere di Roma Regina Coeli a disposizione dell’A.G. procedente. Le indagini proseguono per delineare ancora alcuni contorni degli eventi accaduti e ulteriori responsabili, e altresì verificare, dall’esame della documentazione acquisita, se il locale sia in possesso di tutti i requisiti previsti dalle vigenti normative.

Menu