giovedì 14 maggio 2015 redazione@alatri24.it

Anche sul territorio di Alatri verrà istituita un’area Wilderness

Soddisfazione da parte dell’assessore Roberto Gizzi, per l’approvazione all’unanimità dei presenti in consiglio comunale, per l’istituzione dell’area Wilderness sul territorio di Alatri. “Ringrazio tutta l’amministrazione Morini, di cui mi onoro di far parte, ed i consiglieri di opposizione per aver sostenuto e creduto in questo progetto delle aree Wilderness – spiega Gizzi. Un nuovo modo di salvaguardia e tutela del territorio, affermatosi in Italia a partire dalla fine degli ‘Anni 70’.

Il concetto di Wilderness attribuisce alla conservazione della natura un valore in sé, in quanto patrimonio spirituale per l’uomo, per ciò che esso esprime a livello interiore, in ogni individuo. Esso si può, in definitiva, rappresentare nella tutela integrale del territorio che viene sottratto a qualsiasi tipo di intervento umano; limitazioni che garantiscono l’ambiente dal degrado e consentono di mantenere quella particolare situazione psichica che l’uomo cerca e di cui può godere nelle aree Wilderness. Con questo atto di consiglio – aggiunge l’assessore Gizzi – si mette un punto fermo dell’amministrazione comunale di Alatri su tutta la questione relativa all’istituzione del Parco dei Monti Ernici, dimostrando con dati e fatti alla mano che la salvaguardia dell’ambiente può passare anche attraverso altri soggetti di conservazione.

In ultimo – conclude Roberto Gizzi – invito tutti coloro che hanno a cuore le nostre bellissime montagne, a partecipare fattivamente per far si che le aree Wilderness che rappresentano i tre quarti dei nostri Monti Ernici, che si trovano nei rispettivi comuni di Alatri, Guarcino, Sora e Vico Nel Lazio, portino quei benefici di conservazione e tutela delle nostre montagne che noi tutti ci aspettiamo.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita